Online Ticket
Mostre di Arte Sacra

IL PREMIO INTERNAZIONALE DI ARCHITETTURA SACRA FRATE SOLE 

Anche nel costruire chiese, nel progettare altari o vetrate ho cercato di attenermi alla stessa regola: l'edificio sacro non dev'essere una "predica" ma un luogo in cui Dio incontra l'uomo, manifestandosi come luce pacificante, rivelandogli quella bellezza antica e sempre nuova che si rinnova ad ogni sorgere del sole, che è epifania del Signore. Non mi sono mai chiesto, teoricamente, quale fosse lo "scopo" dell'arte, compresa quella destinata a servire la liturgia. Sentivo che essa aveva come ragione ultima il dare gioia agli altri, il creare - possibilmente con semplicità - uno spazio di armonia, poesia e serenità nel mare di contrarietà e durezze che è la vita degli uomini. Una chiesa, con le sue forme e i suoi mattoni, deve soltanto rendere visibile, sensibile, quella presenza di Dio che c'è già, che è innata dentro di noi"

P. Costantino Ruggeri

In concomitanza con l’evento di presentazione della VII Edizione del Premio Internazionale di Architettura Sacra Frate Sole, che avrà luogo lunedì 27 aprile 2020 alle ore 17.00, la Fondazione Frate Sole ha deciso di rendere disponibili al grande pubblico schemi, grafiche, bozzetti e modellini delle opere in concorso nelle sei edizioni passate. Un’occasione imperdibile per ammirare le “meraviglie” dell’Architettura Sacra contemporanea.

Il Premio è il più importante evento d’Architettura Sacra al mondo, schiude infatti il panorama complessivo della progettazione, in tutte le Sue articolazioni nazionali, in tutto il mondo. Illustri i vincitori delle passate edizioni: Rafael Moneo con la Chiesa di Iesu a San Sebastian in Spagna nel 2016, Cristián Undurraga con la Cappella del Ritiro a Los Andes Valley in Cile nel 2012, John Pawson, con la Chiesa del Monastero di Nostra Signora di Novy Dvur, nella Repubblica Ceca nel 2008, Richard Meier con la Chiesa di Dio Padre Misericordioso a Tor Tre Teste a Roma nel 2004, Àlvaro Siza con la Chiesa di Santa Maria a Marco de Canavezes a Porto in Portogallo, Tadao Ando con la Cappella sul Monte Rokko a Kobe in Giappone.

Ben sessantanove sono stati i partecipanti per l’edizione 2016 ed un numero altrettanto importante è atteso per l’edizione 2020.