Online Ticket
Prossime mostre in programma

Vetrate e Mosaici Europei contemporanei

"Le vetrate eran mai così cangianti come nei giorni che il sole si mostrava appena, di modo che, se fuori c'era un tempo grigio, si poteva star certi che sarebbe stato bello in chiesa"    -     M.Proust

Le incredibili esperienze di March Chagall nella cappella di Notre-Dame-de-Toute-Grâce e di Henry Matisse nella cappella del Rosario nel convento domenicano di Vence, nell’entroterra di Nizza, hanno aperto nuove possibilità espressive alla vetrata, che per secoli era stata relegata tra le arti minori, dando il via all’utilizzo di un linguaggio contemporaneo tout court, alla stregua di quanto stava accadendo in pittura e scultura.

È a partire da quel momento che la vetrata si rivela un’arte in sintonia con il sentire dell’uomo contemporaneo e con un proprio valore all’interno dello spazio architettonico e liturgico.

Le vetrate per le chiese, infatti, sono elementi al contempo materiali ed immateriali: strumento d’illuminazione e di decoro dello spazio celebrativo, favoriscono il rivolgersi ai cammini spirituali e teologici della luce entrando in dialogo con l’architettura e l’azione liturgica. Assimilabili a pitture complesse, quando adottano uno stile figurativo entrano a pieno titolo anche nel programma iconografico della chiesa in cui sono collocate.

La Mostra espone un panorama di vetri artistici e mosaici contemporanei, esperienze innovative e casi rilevanti di realizzazioni per le chiese da parte di importanti Artisti ed Atelier europei. Il criterio di selezione delle opere che ha guidato il Comitato Scientifico nell’ammissione delle opere è stato il superamento della raffigurazione a forma di colomba dello Spirito Santo.

Le opere in mostra faranno scoprire ai visitatori gli esiti originali a cui giungono alcuni Atelier che, anche in collaborazione con note personalità artistiche, conducono una feconda ricerca formale, ricorrendo a tecniche nuove ed insolite per il mondo della vetrata, come la termoformatura, l’aerografo, l’acquaforte e diverse altre strategie iconografiche e produttive che rendono ogni lavoro un pezzo unico e irripetibile

Artisti e Atelier partecipanti:


SANTE PIZZOL
Pittore e creatore di vetrate artistiche, mosaici e sculture in vetro. Si forma all’Accademia di Brera e alla Scuola Superiore d’Arte del Castello Sforzesco a Milano. Negli anni ’60 apre un primo studio a Milano, seguito nel 1978 da un nuovo studio in Brianza  a Missaglia (LC). Artista poliedrico e assai apprezzato a livello nazionale ed internazionale: solo in Giappone sono oltre 200 le sue opere istallate. Socio attivo della Permanente di Milano è iscritto all’UCAI nazionale.

FRANCO BIANCHETTI
Dopo il diploma al Liceo Artistico di Bergamo compie studi di storia dell’arte al DAMS di Bologna.  All’inizio degli anni 80, in collaborazione con Riccardo casati e renato Roberti intraprende l’attività nell’Officina Santhomè.
Qui sviluppa una ricerca, che partendo dalla tradizionale arte della vetrata, si avvia verso soluzioni plastiche più libere e autonome. 
Tra i lavori eseguiti per collezioni ed edifici pubblici e privati, si possono segnalare: le vetrate per la Chiesa di Santa Maria del Carmine (Pavia) - 1985; Museo di Arte contemporanea, Palazzo Bellini (Comacchio – FE) - 1986; Cappella Comunitaria, Cimitero di Sarnico (BG) - 1993; Chiesa Parrocchiale di Villa d’Almè (BG) - 1995; Musée Suisse du Vitrail (Romont – CH) -1999; Collezione APAS (Ginevra – CH) - 2000; Fondazione STAUROS (Isola del Gran Sasso - TE) - 2002; Associazione Arte e Spiritualità (BS) -2003; Tempio Votivo (BG) - 2005; Fondazione Elisa Bosis (Verdello – BG) - 2005; Monaci sotto le stelle, Arte Contemporanea (BS) – 2005.
Nel 2006 vince un concorso internazionale e realizza 10 sculture in vetro e altri materiali per il Monastero Maria Hilf di Passau (Germania). 

PIOTR OSTROWSKI
Dopo la Laurea presso l'Accademia di Belle Arti di Cracovia, dal 2000 è direttore della società di vetrate SG Zelenski, il più antico studio di vetrate dell’Europa orientale, fondato nel 1902.
Fondatore del Museo della Vetrata Artistica di Cracovia, dal 2004 è membro del comitato scientifico del progetto European Glass Experience e giurato del suo concorso internazionale.
Autore di sculture e installazioni di vetro e arte vetraria architettonica in edifici secolari e sacri, è anche co-autore di progetti di architettura premiati in concorsi internazionali.

ALBANO POLI
Dopo aver frequentato l’accademia d’arte fonda il suo atelier dove in principio restaura vetrate artistiche. Oggi il suo atelier Progetto Arte Poli si ispira alle antiche botteghe rinascimentali dove si creano artigianalmente vetrate, mosaici, affreschi, sculture.
Nella sua carriera ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra cui la nomina a Cavaliere nell’Ordine Equestre Pontificio di San Gregorio Magno in seguito alle opere realizzate nella Basilica di San Paolo fuori le Mura di Roma e tre premi internazionali Faith&Form Awards per le opere realizzate nella Cattedrale di Bari e nella Chiesa Gesù Divino Maestro di Roma. Tra le opere più recenti ricordiamo la realizzazione del nuovo ambone papale della Basilica di San Giovanni in Laterano a Roma.

ANGELA FERRARIS
Fin da giovanissima acquisisce gli insegnamenti del pittore Pietro Favaro presso la scuola di Arte Sacra Enrico Reffo di Torino. Nel 1988 riceve la nomina in ruolo come insegnante di discipline pittoriche presso il liceo artistico. Dal 1992 si dedica interamente all’affascinante mondo del vetro artistico.
Creatrice e realizzatrice di vetrate e mosaici vitrei In quanto titolare dell’ AFVDA  (AngelaFerrarisVetriD’Arte) nel 2006  ha ricevuto dalla Regione Piemonte il titolo di eccellenza artigiana per la lavorazione del vetro.

SCUOLA MOSAISTICI FRIULI
Una realtà unica e originale, un centro dedicato all’arte musiva, un punto di riferimento internazionale per la formazione, promozione, progettazione e realizzazione del mosaico.
Dalla sua fondazione  nel 1922, esporta la cultura del fare mosaico attraverso opere collocate in tutto il mondo (Roma, Gerusalemme, Osaka, New York), in territorio europeo ed extraeuropeo. Dalla tradizione romana e bizantina all’evoluzione delle tecniche moderna e contemporanea, la Scuola Mosaicisti del Friuli valorizza la storia del mosaico e la tradizione del territorio, ma promuove anche la ricerca, la sperimentazione, il confronto con la dimensione e la cultura contemporanee, rinnovando motivazioni per continuare a crescere e a guardare al futuro, trasmettendo ai giovani un mestiere di alta professionalità e stimolante creatività.

PADRE COSTANTINO RUGGERI
FONDAZIONE FRATE SOLE
Dedica la sua giovinezza alla pittura, sotto la guida di Mario Sironi, che in Lui riconosce il talento e ne ammira la dedizione.
Nel 1951, terminati gli studi di teologia, è ordinato sacerdote nel Duomo di Milano dal cardinal Schuster e dello stesso anno è la sua prima mostra di pittura alla Galleria “S. Fedele” di Milano presentata da Mario Sironi.
Nel 1954 riceve il 1° Premio di pittura “S. Fedele” ed il 3° Premio “Marzotto”. Si accosta alla scultura alla fine degli anni 50.
Dal 1958 al 1962 frequenta L’Accademia di Brera e coltiva incontri con artisti e architetti tra cui: Fontana, Dova, Capogrossi, Crippa, Le Corbusier, Alvar Aalto.
Nel 1959 lascia Milano e stabilisce il suo studio d’arte nel Convento di Canepanova in Pavia, ove prosegue nell’attività di pittore e scultore con la realizzazione di terracotte e ceramiche per dedicarsi successivamente allo studio dello spazio sacro con il progetto di cappelle e la ricerca di nuove forme per l’arredo e la suppellettile sacra nonché dei paramenti sacri.
Degli anni ’60 sono le esperienze di vetrate con cristalli colorati di Murano incastonati in pannelli di cemento e dal 1966 inizia la serie di vetrate artistiche in vetro antico soffiato legate in piombo.
Collabora con alcuni architetti italiani, tra cui Figini e Pollini, Giò Ponti, Gardella, Vaccaro, Gresleri, Trebbi e Nervi, per la costruzione di nuove chiese e santuari.
Dal 1993 promuove, grazie alla Fondazione Frate Sole da lui creata, la valorizzazione dell’arte sacra istituendo il premio quadriennale “Frate Sole”.
Nel 2007 Padre Costantino si spegne nei pressi del Convento di Sabbioncello, dove ha trascorso le sue ultime settimane di vita.

DERIX GLASS STUDIO
La famiglia Derix si occupa di arte del vetro da quasi 150 anni. “Rendere tangibile ogni progetto di luce”: questa affermazione riflette la filosofia di Derix Glass Studios, atelier con sede a Taunusstein, nei pressi di Francoforte. Si tratta di uno dei più importanti atelier del vetro d’arte a livello internazionale, con progetti realizzati in tutto il mondo. Nel 1908 Papa Pio X nominò Derix “atelier pontificio di vetrate”.
Le attività di Derix riguardano la realizzazione di opere artistiche in vetro sia per spazi sacri sia laici, oltreall'attività di consulenza.