Online Ticket
Prossime mostre in programma

Scenario europeo della produzione

Gli oggetti usati per il culto della Chiesa cristiana cattolica sono numerosi e rispondono alle molteplici esigenze dell'assemblea che si riunisce all'interno delle chiese per la celebrazione. Fra questi hanno grande importanza i vasi sacri e, in particolare, il calice e la patena in cui vengono offerti, consacrati e consumati il pane e il vino eucaristici. Accanto ai vasi sacri, si usano anche altre suppellettili, sia oggetti d'uso sia elementi di arredo, che servono a preparare lo spazio della celebrazione e accompagnano le azioni rituali che vi si svolgono.

La mostra espone un panorama di oggetti liturgici selezionati dalla produzione europea, ponendosi l’obiettivo di evidenziare l’influenza degli orientamenti postconciliari sull’attuale produzione dei vari Paesi. Sono esposti anche oggetti non concepiti in origine per l'uso liturgico ma che, per le loro qualità, risultano ugualmente utilizzabili in tale ambito.

Sono esposti oggetti liturgici che cercano un dialogo con la contemporaneità, con i suoi stimoli molteplici, con i suoi linguaggi e le attuali modalità espressive, attraverso una ricerca estetica originale, l’adozione di un registro espressivo equilibrato. Oltre che all’originalità della ricerca estetica, sono stati selezionati oggetti aderenti agli orientamenti espressi dai documenti del Concilio Vaticano II e successivi. È stata infine riservata una particolare attenzione alla sobrietà, alla nobiltà e alla bellezza da cercarsi più nella forma e nei materiali utilizzati che nella fastosità dell’ornato.

Oltre ad artisti e atelier appositamente invitati, espongono anche alcuni produttori che si contraddistinguono per ricerca, innovazione nei materiali e nelle forme, aderenza ai dettami conciliari.

 

Artisti e Atelier partecipanti:


FRANCESCO PAGANINI
Figlio di un artista milanese, noto soprattutto per le splendide oreficerie sacre realizzate in smalto a fuoco e sbalzo, ne ha assimilato l’arte e le tecniche, che costituiscono un ricco background delle sue creazioni. Formatosi a Milano come argentiere, laureato in storia dell’arte, ha insegnato a Roma per trent’anni tecniche orafe, attività che prosegue ora presso la Scuola di Arte Sacra di Firenze e che affianca alla produzione di arredi sacri. 

MAG. MARTIN SINDELAR
ARCIDIOCESI DI VIENNA
Studioso di Teologia ed educazione religiosa, cerimoniere dell’Arcivescovo e direttore del reparto Bibbia-Liturgia-Ambienti Ecclesiali. Specialista nello sviluppo di vesti e oggetti liturgici contemporanei, si occupa della gestione di eventi  nell’Arcidiocesi di Vienna. Per le varie realizzazioni collabora con artisti e artigiani scelti individualmente per ogni progetto.

MATTEO PAULETTO
Dopo l’istituto tecnico per Geometri, il suo percorso formativo prosegue alla facoltà di Architettura IUAV di Venezia e con le prime esperienze professionali presso studi di architettura ed interior. Oggi  collabora con lo studio Ceron&Ceron di Castelfranco Veneto, dove ha potuto confrontarsi con importanti progetti a partire dal concept, mediante attività di project management, fino alla realizzazione del manufatto architettonico o dell’oggetto di design. Da sempre appassionato del disegno a mano libera, dell’arte e della natura, nel tempo libero coltiva queste passioni che  filtrate con equilibrio e reinterpretate con personalità, sono spesso spunti per nuove forme espressive libere da ogni costrizione stilistica.

FLAVIANNA ERBI’
Apostolato Liturgico - Provincia italiana Pie Discepole del Divin Maestro 
Diploma di ceramista/progettista conseguito a Faenza nel 1989. Lavora da circa vent’anni nel laboratorio di ceramica dell’Apostolato Liturgico, del quale è la responsabile.

LOCHE AGAR
Apostolato Liturgico - Provincia italiana Pie Discepole del Divin Maestro

Opera apostolicamente nel settore dell’arte per la liturgia dal 1980, a servizio della Chiesa in Italia e all’estero. Dal 2000 tiene un corso sulle vetrate come arte liturgica, alla Pontificia Facoltà di          Liturgia di S. Anselmo – Roma. Ha fatto parte della Consulta Nazionale dell’Ufficio Liturgico della Conferenza Episcopale Italiana, sezione Arte per la Liturgia.

MAGDALENA VELEZ SALINAS
Architetto dell’ Università Politecnica di Madrid coniuga il suo lavoro di architetto con l’insegnamento  come professore di progetti di architettura all'Universitá Alfonso X el Sabio di Madrid.
La passione per il design, non solo di spazi ma anche di oggetti di uso quotidiano, la porta a svolgere gli studi di Tecnico Superiore di Arti plastiche e Design Orafo e Argenteria Artistica a Madrid, scoprendo il lavoro degli orafi dedicato alla realizzazione di oggetti Liturgici. Il vuoto esistente di un design contemporaneo in questo tipo di oggetti, suscita il suo interesse nel fare una collezione di Vasi Sacri che adempiono la Liturgia  senza perdere il loro simbolismo, offrendo una nuova visione.

MEO CASTELLANO E PINO MASSARELLI
La collaborazione artistica tra Meo Castellano e Pino Massarelli (CarteM studio) nasce nel 2013 dalla comune passione per la creatività e l’amore per la materia, dal comune senso armonico plastico coloristico e dall’affine ricerca mistica intrisa di senso del divenire. La ricerca dei due artisti si snoda in un interessante percorso di narrazioni plastiche, costituito dal raffinato delinearsi di trame, espressione di eclettica immaginazione, rappresentazione di attente esplorazioni nella materia, nelle forme e nel colore, nelle idee e nelle emozioni. 

TINO GRISI
è un architetto abilitato con laurea al Politecnico di Milano. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Ingegneria-Architettura presso l'Università di Bologna e il Master in Progettazione di chiese presso la Sapienza di Roma. Da circa vent'anni, l'architettura liturgica è il terreno della sua attività indipendente professionale e di ricerca il cui obiettivo, attraverso decine di progetti, lezioni e pubblicazioni, è la semplice e nobile corrispondenza tra spazio e atto di culto.

ANDREA MARCUCCETTI
Laureato in architettura all’Università di Firenze, ha conseguito il titolo di Dottore di ricerca in Progettazione dello Spazio e del prodotto di arredo alla Sapienza Università di Roma e in Pianificazione del territorio all’Université Lille Nord de France. Sempre alla Sapienza ha ottenuto il Master di II livello in Progettazione e adeguamento di chiese. Negli ultimi vent’anni ha svolto attività professionale e di ricerca, collaborando e insegnando presso la Sapienza e la Rome University of Fine Arts.

FLAVIO ARCANDI
Dopo aver studiato architettura entra nella azienda di famiglia, la Rossi & Arcandi Lab dove collabora con architetti e designer anche di fama internazionale. Dopo aver maturato esperienza nel settore della produzione di oggetti liturgici per la Chiesa Cattolica, crea Forma Fluens, una struttura che si propone di far interagire le esigenze della attuale liturgia e il design contemporaneo.
Partecipa a concorsi di design supportando e collaborando a manifestazioni legate all’architettura, tra queste il premio internazionale Dedalo Minosse e Koinè Ricerca.
Tra gli oggetti realizzati da ricordare il calice disegnato per l’Ostensione della Sacra Sindone  del 2010 e il reliquiario realizzato in occasione della beatificazione di Santo Antonio Farina.

GAETANO COMIATI
Presbitero della diocesi di Vicenza dal 2001, nel 2005 inizia un percorso sistematico di approfondimento teologico e liturgico. Dopo aver conseguito la licenza all’Istituto di Liturgia Pastorale a Padova è ora dottorando alla Università della Santa Croce a Roma. Appassionato cultore del rapporto tra architettura e liturgia, architettura e arte, si dedica all’insegnamento e alla pastorale. Ha diretto per anni l’istituto Diocesano di Musica Sacra di Vicenza. È attivamente impegnato nella formazione attraverso convegni, lezioni e pubblicazioni. Partecipa come consulente di vari studi di architettura alla progettazione e adeguamento degli edifici di culto.

LUCA GAZZONI
Monaco della Fraternità di Emmaus, è direttore dell’Ufficio Liturgico della Diocesi di Fossano e Maestro delle celebrazioni liturgiche. Da molti anni si occupa di progettazione in ambito BCEEC : ha realizzato diversi adeguamenti liturgici nell’Arcidiocesi di Torino e nella Diocesi di Fossano. Designer di suppellettili per il culto e paramenti sacri. Molte le pubblicazioni in ambito liturgico-pastorale. Insegna presso l’Istituto Diocesano di Musica e Liturgia dell’Arcidiocesi di Torino.

PADRE COSTANTINO RUGGERI
FONDAZIONE FRATE SOLE
Dedica la sua giovinezza alla pittura, sotto la guida di Mario Sironi, che in Lui riconosce il talento e ne ammira la dedizione.
Nel 1951, terminati gli studi di teologia, è ordinato sacerdote nel Duomo di Milano dal cardinal Schuster e dello stesso anno è la sua prima mostra di pittura alla Galleria “S. Fedele” di Milano presentata da Mario Sironi.
Nel 1954 riceve il 1° Premio di pittura “S. Fedele” ed il 3° Premio “Marzotto”. Si accosta alla scultura alla fine degli anni 50.
Dal 1958 al 1962 frequenta L’Accademia di Brera e coltiva incontri con artisti e architetti tra cui: Fontana, Dova, Capogrossi, Crippa, Le Corbusier, Alvar Aalto.
Nel 1959 lascia Milano e stabilisce il suo studio d’arte nel Convento di Canepanova in Pavia, ove prosegue nell’attività di pittore e scultore con la realizzazione di terracotte e ceramiche per dedicarsi successivamente allo studio dello spazio sacro con il progetto di cappelle e la ricerca di nuove forme per l’arredo e la suppellettile sacra nonché dei paramenti sacri.
Degli anni ’60 sono le esperienze di vetrate con cristalli colorati di Murano incastonati in pannelli di cemento e dal 1966 inizia la serie di vetrate artistiche in vetro antico soffiato legate in piombo.
Collabora con alcuni architetti italiani, tra cui Figini e Pollini, Giò Ponti, Gardella, Vaccaro, Gresleri, Trebbi e Nervi, per la costruzione di nuove chiese e santuari.
Dal 1993 promuove, grazie alla Fondazione Frate Sole da lui creata, la valorizzazione dell’arte sacra istituendo il premio quadriennale “Frate Sole”.
Nel 2007 Padre Costantino si spegne nei pressi del Convento di Sabbioncello, dove ha trascorso le sue ultime settimane di vita.

ARREDI SACRI BERTONCELLO
Erminio Bertoncello inizia la sua esperienza lavorativa negli anni Cinquanta presso una fonderia artistica dove apprende le tecniche di fusione del bronzo e dell’ottone.
Dal 1965 si dedica alla produzione e al restauro di calici, pissidi, ostensori, tabernacoli ed altri oggetti per la liturgia, seguendo nell’attività produttiva una linea stilistica che nel tempo diviene distintiva dell’azienda.
 Un solido team familiare caratterizza dunque l’azienda che è riconosciuta oggi come leader, non solo a livello nazionale, nella produzione di calici e oggetti per uso liturgico. La cura dei dettagli, i procedimenti artigianali, un design sobrio che non abbandona la tradizione, sono gli elementi che hanno determinato il successo dell’azienda.

DESTA INDUSTRIE
Storico marchio leader mondiale per la produzione di camicie per sacerdoti, vesti talari, paramenti liturgici e arredi sacri. Nel 2000 DESTA acquisisce il marchio ARS CAELI, riferimento mondiale nella produzione di vasi sacri e arredo in metallo, anche prezioso. 
L’obiettivo rimane sempre quello di produrre manufatti che rispecchino quella dignitosa e austera bellezza che si deve sempre ricercare nelle opere dell’artigianato al servizio del culto. Grazie all’ausilio di specifiche tecnologie innovative si raggiunge un più alto livello di precisione rispetto ai sistemi tradizionali. 

JACÓBCZAK STUDIO
Produttore di  articoli religiosi: rosari, gioielli, statue, fontane d'acqua, croci e vari altri articoli. L'azienda è costituita da un gruppo di giovani entusiasti, consapevoli delle esigenze della tradizione e aperti a nuove sfide. Offre articoli classici, disponibili sul mercato da anni, sia numerosi prodotti innovativi, portando una ventata di giovinezza nel settore dei prodotti religiosi. 

SCUOLA BEATO ANGELICO
Fondata a Milano nel 1921 a opera di monsignor Giuseppe Polvara, è tutt’oggi uno dei cantieri più interessanti e prolifici nel rapporto tra la Chiesa e le arti.
Nel corso di quasi cent’anni di attività, la Scuola, animata dalla famiglia religiosa, nel ramo maschile e femminile che la compongono, ha costruito un numero consistente di edifici ecclesiastici, è intervenuta con frequenti adeguamenti liturgici in chiese preesistenti, ha realizzato altari, dipinti, affreschi, mosaici, oggetti per il culto, disseminati per tutta Italia e all’estero. 

SACRED ART SCHOOL FIRENZE
La Scuola d'Arte Sacra è una vivace comunità di artisti, professionisti, professori e studenti, nata per promuovere la creatività nell'arte e nell'artigianato artistico, al servizio della Chiesa cattolica e dell'intera società.